Consulenza Finanziaria Indipendente - Pianificando
Skip Navigation Links
Home
Chi sono
La consulenza pura
Investimenti
Prodotti peggiori
Prodotti migliori
Classifiche 2017
Cultura finanziaria
Contatti
Dove sono
Download
Link
Skip Navigation Links
 Skip Navigation Links        

Risparmio gestito: il costo per il servizio che non c'è
di Giuseppe D'Orta
 


Recentemente è stato imposto l'obbligo di inserire nei prospetti informativi dei fondi comuni di investimento la percentuale delle commissioni di "gestione" che viene retrocessa alla reti di distribuzione degli stessi. Stiamo parlando, si badi bene, non delle commissioni di sottoscrizione, bensì della commissione continuativa che (almeno in teoria, a giudicare dal nome) dovrebbe coprire il servizio di gestione del denaro conferito.

 
Dai prospetti informativi si evince che la stragrande maggioranza delle commssioni di gestione vengono rigirate ai venditori (sportelli bancari, reti di promotori finanziari, ecc.). Nei casi dei grandi gruppi bancari, questa percentuale di retrocessione si aggira intorno all'80%. In alcuni casi si arriva a superare il 90% (SanpaoloIMI Am ad esempio retrocede il 92,1%)! Per i gestori più "indipendenti" questa percentuale oscilla intorno al 60% (Anima: 62,%, Azimut 63,4%).

Per l'industria del risparmio gestito, le commissioni di gestione, in larga maggioranza, non servono a gestire i soldi affidati dagli investitori ai gestori bensì a pagare i venditori che li hanno persuasi ad investire in quel fondo invece che in prodotti efficienti. Un investitore che affida ad un fondo comune 100.000 euro pagherà, mediamente, circa 1.500 euro all'anno di commissioni, così dette, di "gestione". Di questi, 1.500 euro all'anno, solo 300 euro andranno ai gestori (che dovranno pagare non tanto i gestori, quanto tutta la parte amministrativa della società di gestione), e 1.200 andranno ai distributori.

Quale servizio viene erogato dai distributori in cambio di questo esborso continuativo? Nella maggioranza dei casi: nessuno o quasi. Nel caso degli sportelli bancari (che hanno la quota più importante del mercato) il servizio è totalmente assente, nel caso dei promotori finanziari dipende molto dal caso specifico, ma mediamente si può affermare senza ombra di dubbio che non vi è un servizio di consulenza continuativa che possa, in qualche modo, giustificare la commissione annuale.

Si dimostra, ancora una volta, che la così detta industria del risparmio gestito si fonda su una colossale presa in giro dei clienti. La "favola" della gestione professionale del risparmio è niente di più che una scusa per mettere le mani nelle tasche degli investitori, grazie alla loro ignoranza.

L'unica difesa, come diciamo sempre, è l'informazione.
 


22/07/2010
Articoli correlati

Risparmio gestito: il costo per il servizio che non c'è

Gestione attiva o gestione passiva?

Le domande sbagliate nei questionari sul profilo di rischio

 
venerdì 28 aprile

Calcola il tuo profilo di rischio
Calcolatori Finanziari


Copyrights 2017 © PIANIFICANDO - Disclaimer  Privacy  Licenza Creative Commons - P. IVA 03490390717