Consulenza Finanziaria Indipendente - Pianificando
Skip Navigation Links
Home
Chi sono
La consulenza pura
Investimenti
Prodotti peggiori
Prodotti migliori
Classifiche 2017
Cultura finanziaria
Contatti
Dove sono
Download
Link
Skip Navigation LinksHome > La consulenza pura > Normativa
 Skip Navigation Links        

In Italia la Normativa prevede due profili professionali


1. I Promotori Finanziari con mandato

La consulenza prestata dal promotore di servizi finanziari, (ai sensi dell'art. 80, lettera a, del regolamento Consob n. 11522/1998), è definita strumentale, cioè finalizzata alla vendita. Il promotore finanziario che esercita l’attività per conto di una società consiglia, suggerisce, assiste i suoi clienti ma  è vincolato a proporre al risparmiatore solo i prodotti distribuiti dalla propria società. Inoltre il compenso per le sue prestazioni professionali viene pagato sotto forma di provvigioni sui prodotti venduti con evidente conflitto di interessi.

2. I Consulenti Finanziari "Puri" 

Possono esercitare l’attività di consulenza 'pura' solo i soggetti che non sono legati ad alcuna banca/intermediario: il cliente può così avere un’asset allocation su misura e il prodotto o il mix di prodotti più adatti alla sua situazione finanziaria tra tutti quelli offerti sul mercato e senza nessun conflitto di interessi in quanto il consulente è pagato direttamente dal cliente.



Nuovi scenari di mercato per gli investitori

La crescita del fenomeno dell’Internet Banking (oltre 6 milioni di conti correnti aperti al 2004) ha permesso a poche multinazionali bancarie di spiazzare il mercato della vendita tradizionale offrendo
strumenti finanziari a bassissimo margine compensati da grossi volumi e non avendo i costi distributivi di una banca fisica.

Tali strumenti (ETFs, Conti ad alta remunerazione, Mutui a costo zero e spread ridotti, bassissime commissioni di compravendita titoli, ecc.) vengono consigliati solo dai consulenti indipendenti in quanto per i promotori sono privi di margini di guadagno.

La cultura dell’on-line è stata facilitata dalle stesse banche tradizionali che, portando i loro servizi su Internet, hanno accelerato la confidenza della clientela con tale strumento informatico. Le piattaforme on-line hanno permesso all’investitore di non dover interloquire più con gli operatori tradizionali ma di poter operare comodamente con i consigli del consulente.


La nuova Direttiva Europea sulla consulenza finanziaria

Con la nuova Direttiva 2004/39/CE, solo le persone fisiche o giuridiche autorizzate potranno erogare il servizio di consulenza.

Si delineano così due macrocategorie:


·
soggetti che operano senza conflitti di interesse, in quanto non coinvolti nel processo di vendita dei prodotti, che possono essere sia persone fisiche che giuridiche

· soggetti che operano in conflitto d’interesse (Banche e Sim che collocano prodotti) che avranno la possibilità di avvalersi di agenti per promuovere il loro servizio di consulenza.

I  consulenti indipendenti, saranno riconosciuti ed autorizzati dagli Stati membri in base ai requisiti vincolanti stabiliti dalla Direttiva e tale autorizzazione sarà valida per tutta la Comunità, consentendo l’erogazione della consulenza in tutti gli Stati membri.

I clienti effettuano gli investimenti sempre  tramite un intermediario autorizzato (banca e Sim) e non esiste passaggio di denaro tra cliente e consulente. Anche per questo la Commissione Europea ha individuato nella consulenza pura un basso rischio per gli investitori.

Scopri i vantaggi di un consulente indipendente.
lunedì 26 giugno

Calcola il tuo profilo di rischio
Calcolatori Finanziari


Copyrights 2017 © PIANIFICANDO - Disclaimer  Privacy  Licenza Creative Commons - P. IVA 03490390717