Consulenza Finanziaria Indipendente - Pianificando
Skip Navigation Links
Home
Chi sono
La consulenza pura
Investimenti
Prodotti peggiori
Prodotti migliori
Classifiche 2017
Cultura finanziaria
Contatti
Dove sono
Download
Link
Skip Navigation LinksHome > Investimenti > Investire in diamanti
 Skip Navigation Links        

COME INVESTIRE NEI DIAMANTI


I pregi dell'investimento in diamanti

  • Il mercato dei diamanti è sostanzialmente un oligopolio in cui pochi attori si spartiscono l’intera torta. Le pochissime società operanti in questo settore fanno cartello ed agiscono sull’offerta in modo da mantenere alti i prezzi. Quando i prezzi sono in una fase di stanca, queste società diminuiscono l’offerta in modo tale che il prezzo salga nuovamente.
  • Sono un bene in fase di esaurimento.
  • I diamanti sono esenti dalle tasse di successione e di capital gain, anche se all’atto di acquisto si paga l’iva ( 21%) sul valore intero che non viene recuperata.
  • Sono un investimento anonimo e permettono un alto grado di segretezza finanziaria.
  • Essendo di piccole dimensioni sono facilmente trasportabili ed occultabili.
  • Non sono danneggiabili, neanche da un evento naturale.
  • Sono un oggetto evergreen e sempre di moda.
  • Sono accettati e scambiati in ogni paese del mondo.

I difetti dell'investimento in diamanti

  • La liquidità è molto scarsa. Quando una persona vuole acquistare un diamante, trova centinaia di venditori ma quando vuole vendere, gli acquirenti scarseggiano o accettano prezzi molto bassi.
  • Non esiste obbligo di riacquisto per le società che vendono diamanti.
  • I diamanti sono commercializzati in dollari per cui sussiste il rischio cambio.
  • L’unico rendimento è la differenza tra il prezzo di acquisto e quello di vendita.
  • Non garantiscono un rendimento reale positivo.
  • Se vengono rubati è praticamente impossibile ritrovarli.
  • E’ difficile valutarne il valore in modo oggettivo.
  • Al momento dell’acquisto si paga l’iva ( 21% ) che non si recupera al momento della vendita.

Il prezzo dei diamanti

 

  • Le statistiche mostrano che nel corso degli anni il prezzo si è mantenuto fondamentalmente in crescita ma non sempre hanno protetto dall’inflazione ed abbiano quindi permesso di conservare il potere di acquisto.
  • Ogni pietra è di fatto un pezzo unico ed il suo valore è collegato a numerose variabili.
  • Nello stabilire il prezzo di un diamante occorre fare riferimento al listino Rapaport, questo listino esprime i prezzi in dollari e per singolo carato ed è ad uso e consumo dei grossisti. Non è un listino ufficiale ma è piuttosto una indicazione generica di prezzo ed una guida per orientarsi nella trattativa. Per un privato investitore è quasi impossibile accedervi e sarà necessario accontentarsi delle tabelle sintetiche e parziali mostrate sul Sole24Ore.
  • Presso le gioiellerie o le società di intermediazione di diamanti si incontrano prezzi superiori rispetto a quelli indicati nel Rapaport poiché ad ogni passaggio della filiera si aggiungono vari ricarichi.

L'acquisto di un diamante


  • Prima di avventurarsi nell’acquisto di un diamante occorre verificarne il “certificato” che viene rilasciato da apposite società internazionali abilitate a svolgere questo compito. Le principali e riconosciute in tutto il mondo sono: Gia, Hrd ed Igi.
    Ogni certificato è numerato e deve contenere l’esatta descrizione del diamante e delle sue caratteristiche. Nella scelta del diamante da investimento occorre seguire la logica del "chi più spende, meglio spende".
  • Le pubblicità parlano di diamanti da investimento acquistabili per 5.000 euro ma un investimento in diamanti ben fatto necessita di almeno 50.000 euro.
  • Occorre evitare l’acquisto tramite internet o per interposta persona.
  • E' necessario pretendere di analizzare visivamente il diamante
  • Intraprendendo un viaggio ad Anversa che è la capitale europea dei diamanti.
  • E' consigliabile rivolgersi direttamente ad un grossista, per riuscire ad ottenere garanzie di qualità ed un prezzo non troppo gonfiato.  
  • È da evitare l’acquisto tramite banca poiché i prezzi applicati ai clienti sono decisamente gonfiati. Gli istituti di credito garantiscono il riacquisto ma solo con penali molto alte. Guadagnare con un acquisto effettuato tramite istituto bancario risulta arduo poiché si acquista a prezzi gonfiati ( a cui si deve aggiunge l’iva ) e si rivende con pesanti commissioni.
  • Attenzione anche all’acquisto tramite gioielliere perché il ricarico applicato può essere notevole.

Da non sottovalutare

 

  • Una volta acquistato il diamante occorre affrontare il problema della custodia e dell’assicurazione. La cosa migliore è custodirlo in una cassetta di sicurezza. Molto diffusa anche la stipula di una assicurazione.
  • I costi di custodia ed assicurazione ovviamente incidono in modo consistente sul rendimento finale dell’investimento.
  • Nel corso degli anni si sono fatti strada i diamanti artificiali, creati in laboratorio al momento utilizzati quasi esclusivamente in ambito lavorativo ed industriale. La loro qualità non è eccelsa
  • Ma a questo punto si apre un quesito: se si raggiungeranno buoni risultati dal punto di vista qualitativo, cosa succederà al prezzo dei diamanti naturali?
Gabriele Bellelli
http://www.bellelli.biz


SCARICA ALTRE GUIDE E MANUALI SUGLI INVESTIMENTI
martedì 24 ottobre

Calcola il tuo profilo di rischio
Calcolatori Finanziari


Copyrights 2017 © PIANIFICANDO - Disclaimer  Privacy  Licenza Creative Commons - P. IVA 03490390717